Torna a Blog

Porno e marijuana sono la nuova tendenza in corso

In America lo chiamano weed porn ed è un fenomeno in assoluta ascesa. Cosa ci incastrano pornografia e marijuana direte voi? Nell’America post-legalizzazione, alcuni degli stati in cui è possibile fumare erba (California compresa) sono anche alcuni degli stati dove è più alta la concentrazione di case di produzione dedicate all’erotismo e al porno. Ma non solo, negli ultimi anni è nato un nuovo genere, lo weed porn appunto, dove focose sexy attrici fanno sesso dopo aver fumato maria giovanna e in alcuni casi anche mentre fumano.

Scopriamo perché le pornostar fanno branding con l’erba

Secondo gli ultimi studi cannabis e sesso infatti vanno a braccetto per tutta una serie di motivi. L’erba induce una rilassatezza sia a livello fisico che mentale, in questo modo aiuta a allontanare pensieri negativi e distrazioni. Inoltre i cannabinoidi agiscono stimolando anche nuovi livelli di percezione sensoriale, con tutto ciò che concerne il raggiungimento di orgasmi stellari.

Anche se la scienza è ancora incerta se aggiungere la cannabis nella lista degli afrodisiaci, di una cosa siamo certi. Il Tetraidrocannabinolo (THC) è un potente vasodilatatore e ciò fa bene sia a lui che a lei.

Decine e decine sono le pornostar che fanno uso di marijuana e molte di loro hanno sposato il progetto di Emerald Triangle. Ci sono nomi famosi come Casey Calvert, Ana Foxxx, Aj Applegate, Daisy Ducati, Riley Reed e la bellissima pornostar italiana Valentina Nappi. Poi ci sono quelle, più o meno conosciute, che già nel nome tributano la cannabis: Jenna Sativa, Misty Stone, Allie Haze e Karla Kush.

Una cosa è certa, tutte le pornostar che utilizzano la marijuana come parte della loro strategia di branding concordano sul fatto che è un ottimo modo per entrare in contatto con i propri fan.

E se anche tu sei interessato a provare questa nuova tendenza passa su www.pupaescort.com. Su Pupaescort troverai annunci escort Napoli, annunci girl Bologna, annunci trans Brescia.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna a Blog